La Fortezza

Il rustico "La Fortezza" a Mogno - Fusio

Mogno, piccolo nucleo dell’alta Vallemaggia, non è nuovo a progetti che stanno a metà strada tra sogno e sfida architettonica. Per fortuna la solidità delle sue montagne marcano pure gli uomini che vi operano ed anche stavolta la sfida è stata portata a termine con successo. La Fortezza, come già il nome suggerisce, imprigiona in sé tutta la forza su cui l’uomo può investire i suoi progetti: essa è la testimonianza storica che niente è mai giunto alla fine. La sua storia è quella di una comune stalla datata 1700, da anni abbandonata e in fin di vita, ma tutt’ora segnata da un lungo servizio dedicato all’uomo. In poco meno di due anni, però, la sua insicura stabilità è stata scossa da un ambizioso progetto.

Il fienile fu imbavagliato, sollevato e spostato nel maggio 2005 grazie ad un particolare autosollevatore della portata di 70 tonnellate, per consentire la costruzione di un basamento di pietra su cui il rustico in tondoni di larice di Fusio ha poi trovato un solido e definitivo appoggio. Una procedura alquanto insolita quella dello spostamento: ciò rende l’intervento particolarmente speciale. I lavori sono poi proseguiti con la costruzione del patio esterno e la posa di muri di protezione adagiati sul profilo naturale del terreno.

Leggi tutto...

Altro passo importante fu l’inserimento di una struttura in ferro sulla quale il tetto in piode, provenienti dalla Vallemaggia, ha trovato appoggio: il rustico potrà ora sostare tranquillamente, continuando a mettere in mostra quella particolare bellezza tipica degli edifici di alta montagna, nel rispetto dell’equilibrio naturale dell’ambiente circostante. Ma le particolarità della Fortezza non finiscono qui: tutte le pareti interne, infatti, sono state rivestite in vetro isolante e trasparente, in parallelo al vecchio rustico. In questo modo dall’interno si può notare il chiaro accostamento tra la vecchia stalla e la struttura nuova. «Mi sembrava un dovere l’assumermi il rischio, e nello stesso tempo non perdere l’opportunità eccezionale per un progetto piccolo nelle dimensioni ma irripetibile e proporre un recupero fuori dagli schemi tradizionali, anche quale omaggio e opportunità per i molti artigiani», così si esprime Giovan Luigi Dazio in merito al suo progetto. L’architetto, originario del luogo, si occupa del restauro di rustici attraverso l’utilizzo di nuovi materiali nel rispetto delle loro caratteristiche originali. La Fortezza è stata per Dazio una delle molte sfide che la valle ha voluto proporgli. Oggi, a lavori praticamente terminati, l’uomo può assicurare che la convivenza tra vecchio e nuovo può esistere. E a conferma che un’opera forte trova sempre un estimatore, il fienile in fin di vita (ora Fortezza) ha già trovato un convinto inquilino. La Fortezza si presenta come una lanterna trasparente e luminosa, atta a mettere in risalto l’opera del ‘700 e quella contemporanea, in una sinergia ottimale.

Allegati
- La Fortezza (.pdf)

Approfondimenti
2012Neue Individuelle KüchenNeue Individuelle Küchende
2009Häuser modernisierenKleine Hauser Modernisieren - Mrosko and Müllerde
09.2007Cantieri & AbitareDa stalla abbandonata a casa di vetro, la fortezza di mognoit
13.10.2006Corriere del TicinoCostruire in montagna, la dura caccia al belloit
09.2006Caccia e PescaLa fortezza di mogno, stalla abbandonata a casa di vetroit
04.10.2005Giornale del PopoloIl rustico torna a casait
27.09.2005Corriere del TicinoLa fortezza torna a casait
27.09.2005La RegioneLa fortezza torna al suo postoit
21.05.2005Corriere del TicinoSollevata e spostatait
21.05.2005Giornale del PopoloSpostato un rustico di 125 quintaliit
21.05.2005La RegioneMogno, fortezza sollavata e adagiatait

Giovan Luigi Dazio
Architetto

Via Ramogna 14 | 6600 Locarno
T. +41 (0) 91 751 63 82
N. +41 (0) 79 409 83 63
F. +41 (0) 91 752 23 19
E. glddazio@gld-dazio.ch